• rss
  • email
  • facebook
  • twitter
l’uso di #twitter, differenze tra il movimento spagnolo e greco

Web 3.0 Lab sta misurando la densità dei tweet geolocalizzati nei luoghi di protesta di Atene e a Barcellona e analizzando il diverso uso del social media a 140 caratteri da parte del movimento greco e di quello spagnolo.

Monitorando piazza Syntagma e dintorni ci si accorge che, sebbene la densità aumenti velocemente in occasione delle manifestazioni maggiori, il livello di tweeting ateniese è generalmente basso.

Othonos, Atene 10557, Grecia

Plaza Catalunya registra un’attività di fondo molto più alta, in alcuni momenti quasi il doppio dell’omologa zona in Grecia – eppure la partecipazione alle proteste a Atene è stata uguale, se non maggiore, a quella degli indignados di Barcellona.

Plaça de Catalunya, 9, 08002 Barcellona, Spagna

Se gli spagnoli si stanno rivelando tra i più appassionati e preparati nella comunicazione online e ai social media, gli insorgenti di Atene sembrano non avere bisogno di twitter. La minore diffusione degli smartphone in Grecia può essere uno dei fattori, ma i motivi più profondi di questa forte differenza nell’uso di twitter – osservano i blogger di Web 3.0 Lab – risiedono in alcune caratteristiche proprie del movimento greco.

Le proteste in Grecia sono più organizzate, coinvolgono associazioni, sindacati e collettivi già radicati e attivi sul territorio. La loro capacità di mobilitazione è più novecentesca, risale quando twitter non c’era.

L’attenzione dei media internazionali e locali nei confronti della Grecia è stata e rimane molto alta. E i manifestanti greci non sono soddisfatti di come vengono riportati i fatti: la loro diffidenza nei confronti dei media è palese, non si fidano, talvolta reagendo in maniera ostile.
Della stessa copertura non hanno certamente usufruito molte acamapadas spagnole e ancora di meno le proteste in Bahrein: in entrambi i casi è stato proprio il disinteresse dei media la molla che ha fatto imboccare in maniera decisa il canale dei new media.

La Grecia è una nazione con una popolazione più vecchia rispetto alla Spagna e il movimento greco è demograficamente più variegato: una larga parte dei manifestanti appartiene a generazioni più vecchie e di conseguenza ha poca dimestichezza con i media digitali.

Le manifestazioni in molte città greche sono spesso violente. L’attività di twitter funziona al meglio quando le manifestazioni sono molto partecipate e pacifiche.

Potrebbero interessarti anche:

  1. #ChiNonVotaAlReferendum: il nuovo tormentone su twitter
  2. Un’analisi del movimento M15
  3. Il movimento degli indignati greci al sesto giorno di protesta

Share this post

  • Subscribe to our RSS feed
  • Share this post on Delicious
  • StumbleUpon this post
  • Share this post on Digg
  • Tweet about this post
  • Share this post on Mixx
  • Share this post on Technorati
  • Share this post on Facebook
  • Share this post on NewsVine
  • Share this post on Reddit
  • Share this post on Google
  • Share this post on LinkedIn

About the author

Strelnik had written 29 articles for 140nn, social media reporting

bit worker, si interessa di media attivismo digitale e citizen journalism da diversi anni sperimentando le potenzialità offerte dalla rete attraverso strumenti come il blog, il videoblog e la web radio.

There are no responses so far.

Leave your response

*